INTERVISTA AD ELISA GIOIA , AUTRICE DI “SO CHE CI SEI”

Eccomi finalmente qui care Womoms a scrivervi di una delle persone più carine e di maggior successo nel panorama social e ora anche editoriale! Sì perché anche se lei è una ragazza semplice e molto modesta,è proprio il caso di dire che state per leggere l’intervista di una piccola stella nascente.
Si tratta di Elisa Gioia alias @elisagioia nei social, una ragazza solare e piena di sogni che ha deciso di trasformare la sua vita a seguito della perdita del lavoro.

Da sempre sognava di scrivere un libro e la bozza di “so che ci sei” era nel suo cassetto da tempo , ma solo quando cause di forza maggiore l’hanno costretta a casa, ha deciso di prendersi del tempo e dedicarsi totalmente alla scrittura…..con nostra somma gioia è il caso di dire!
Sì perché “so che ci sei” è una delle storie più divertenti che io abbia avuto il piacere di leggere negli ultimi tempi.
Sapendola a Milano ho subito colto la palla al balzo e le ho chiesto di vederci per un aperitivo e per parlare del libro….
Non pensavo di trovarmi davanti una ragazza che a fine serata potevo quasi considerare un’amica.
Elisa e’ piena di entusiasmo e di vitalità e vederla rincorrere il suo sogno è ispirante per ognuno di noi….vedere il luccichio dell’emozione nei suoi occhi e sentirla parlare così con i piedi per terra mi ha fatto capire che davvero possiamo farcela a realizzare i nostri sogni,se ci crediamo e abbiamo la pazienza di coltivarli anche con umiltà.

IMG_0155-0.JPG

Ma ora non vi tedio più con le mie considerazioni su questa bellissima ragazza e vi introduco la piccola intervista fatta a proposito del libro.

IMG_8965-1.JPG

D:Allora cara Elisa partiamo dalla domanda che ti avranno fatto tutti: Da dove e’ nata l’idea di scrivere il tuo primo libro?

R:In realtà è una cosa che avrei sempre voluto fare ma, per mancanza di tempo, ho sempre rimandato. Trovandomi a casa senza lavoro e costretta a riposo forzato per una polmonite ho preso in mano il portatile e ho iniziato a buttare giù la storia di Gioia Caputi. Tre mesi dopo avevo scritto “So che ci sei”. L’ho fatto per passione, amo scrivere dai tempi della scuola. Infatti ho frequentato, appena dopo il diploma, un corso di giornalismo e ho avuto l’occasione di lavorare a Milano per una casa editrice.

D:So che avevi pensato di fare la scuola di giornalismo….e che hai fatto uno stage a milano per questo….come sei riuscita poi a incanalare tutta la tua fantasia in un libro? Il passaggio da giornalismo a scrittura non è semplice….cosa ti riesce meglio?
R:Scrivere un articolo è un po’ diverso, perché devi cercare di raccontare la realtà senza far trapelare le tue emozioni o la tua opinione. In un libro, invece, far emozionare è la cosa più importante, devi cercare di catturare subito il lettore e fallo diventare partecipe della storia.

D:Hai avuto molto coraggio ad autopubblicarti…. Chi ti ha sostenuto di più in questa avventura?
R:posso sempre contare sulla mia famiglia, su mia sorella, che è stata anche la prima a leggere il libro, e su una certa Paola Turani, non so se la conoscete, che entusiasta a volte anche più di me, mi ha detto di buttarmi e rischiare. Poi tantissimi non lo sapevano finchè non è stato online, ad altri non l’ho nemmeno detto per timidezza.

D:Sei molto conosciuta nei social come FB e Ig…..ti ha aiutata questo a trovare ispirazione e la forza di continuare a credere nel tuo sogno di diventare scrittrice?hai avuto un buon riscontro dai tuoi followers?
R:L’affetto che mi hanno dimostrato le ragazze di instagram è stata una bellissima sorpresa, ma io ho una visione romantica dei social network perché facebook, instagram, blog mi hanno permesso di conoscere persone fantastiche che adesso sono diventate delle vere amiche. Poi il passaparola sui fb e ig è stato fondamentale, il passaparola per un libro è fondamentale. Io stessa leggo libri consigliati da amiche e blog.

D:Gioia e’ una ragazza piena di vita e molto comica ma anche autoironica nelle sue avventure sia sentimentali che di vita…..ti sei ispirata a qualcuno o a te stessa per questo personaggio?
R:ne approfitto per dire che “So che ci sei ” non è auto biografico e io non sono Gioia. Ovviamente abbiamo tante cose in comune (siamo logorroiche, crediamo nel happy end, amiamo Robert Downey jr!!!) ma sia per lei che per gli altri personaggi ho preso spunto da amici e dalla vita di tutti i giorni, tranne per Chrstian Kelly. Lui è tutta fantasia, perché se lo avessi conosciuto col cavolo che me lo sarei fatto scappare!!!

IMG_8967-0.JPG

D:E per quanto riguarda i due personaggi maschili Christian e Matteo? Matteo e’ il classico bello e dannato….mentre Christian e’ l’uomo tutto d’un pezzo sempre pronto a salvarti in ogni situazione….quale tipo di uomo preferisci tu?
Sono esistiti nella tua vita o ti sei ispirata a qualcuno ?
R:: entrambi sono due personaggi maschili interessanti. Christian misterioso, ironico, dolce ma anche lui con la sua dose di stronzaggine. Matteo invece è il bello e dannato a cui le donne non sanno resistere, sembra che abbiamo la calamita per gli stronzi. Nella mia vita diciamo ci sono stati più stronzi che Kelly…
Io preferisco senza dubbio Christian, ma perché è un uomo molto ironico, oltre che sexy, che fa ridere Gioia. Credo che con un uomo come lui non ci si annoierebbe mai!

IMG_8966-0.JPG

D:Bea e’ un personaggio secondario nel libro ma sono sicura che in tanti l’abbiano apprezzata e che in tanti siano curiosi si sapere come va anche alla matta del karaoke…..hai mai pensato di scrivere anche un libro su di lei?
R:Beatrice è piaciuta tantissimo come personaggio e molti mi hanno chiesto una storia solo con lei. Vedremo, mi piacerebbe molto anche perché mi sono divertita un sacco a scrivere di lei e delle sue idee pazze!

D:La storia parla di un intreccio amoroso che può essere comune a molte donne….un tradimento, un nuovo amore minato dal ritorno dell’ex e poi la voglia di rinnovarsi di ogni donna dopo una delusione….ti è mai capitata la stessa cosa?
R: fortunatamente non mi è mai capitato di essere tradita, ma la storia di Gioia può essere la storia di un sacco di donne, che si possono rivedere in lei, nella sua delusione, nella sua rabbia, nella sua difficoltà di credere ancora nell’amore. Gioia, nonostante le sue insicurezze, è comunque una donna con le palle che sa quello che vuole, con carattere e battute taglienti risponde per le rime sia a Matteo che a Christian. Gioia, non è sottomessa ad un uomo, come leggiamo in tanti libri.

D:Ci hai stupiti con un finale poco convenzionale….era tua intenzione andare controcorrente?
R:: con questo finale ho creato un caos, non credevo. Primo, non sempre nella vita finisce bene, volevo un finale realista ma che allo stesso tempo parlasse di riscossa. Infatti alla fine del libro si capisce che “So che ci sei”, non è solo quello che Gioia dice a Christian, ma quello che lei pensa dell’amore vero, sa che c’è da qualche parte. Basta saperlo trovare e/o vedere.
Poi, per le romantiche come me, il finale è aperto perché sto scrivendo il seguito 🙂

D:Il libro e’ disponibile solo in versione ebook sia su ITunes che su Amazon, hai mai pensato di farlo diventare un libro cartaceo?
R:: vederlo cartaceo sarebbe un sogno, ma quando l’ho messo online pensavo di vendere solo qualche copia, non di avere tutto questo riscontro, sia positivo che negativo, per questo non ho investito soldi su una versione cartacea. Poi non me ne rendo ancora conto, fa effetto leggere e vedere che Gioia e Christian abbiano fatta breccia nel cuore di un così vasto pubblico

D:Io che ho letto il libro sto diventando anche pedante con le amiche perché dico a tutti di leggerlo ,però volevo che tu stessa dessi un motivo in più per leggere il tuo romanzo….
R:Quando leggo un libro voglio sognare e divertirmi. Spero Gioia e la sua gang riescano nell’intento e sopratutto “So che ci sei” ha un sacco di sfumature reali: il primo amore, la delusione, la voglia di rialzarsi, l’amore, l’amicizia, la famiglia, lo stress del lavoro, ma si parla anche di moda, tv, social network e musica. Spero lo leggiate perché Gioia è comunque una donna, nelle sue incertezze, forte, con un bel caratterino. Come la chiama Christian è un vero uragano, che non si butta ai piedi del primo che capita o che le fa gli occhi dolci. Nonostante il finale poi è una storia romantica, un finale positivo c’è comunque.

D:Tutti te lo chiederanno e io non sarò da meno….ci sarà un seguito?sapremo di più di Christian ,Gioia e Matteo?

R:come accennavo prima sono già all’opera per scrivere il seguito…..a presto ragazze!

Ragazzi vi invito dunque a correre su ITunes o su Amazon e Kobo e acquistare questa piccola perla e vi assicuro che farete fatica a staccarvene.
A presto care Womoms.
Con affetto,
Anna

IMG_8965.JPG

annina85

Mamma di Orlando Antonio dal 7 settembre 2016 amo i bambini e tutto ciò che li riguarda...amo fare la mamma e coccolare il mio compagno con mille attenzioni. Vivo la mia vita da Paperino cercando di darle un senso e ridendoci su senza troppi pensieri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *