il diabete ha scelto me . Ma anche io ho scelto me.

 

La giornata mondiale del diabete , promossa dalla International Diabetes Federation e riconosciuta dall’Onu, è celebrata in tutto il mondo il 14 novembre.

Lo scopo è quella di sensibilizzare e informare, educare e prevenire questa malattia. Si stima che nel 2025 il diabete colpirà circa 380 milioni di persone.

Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dall’elevata presenza di glucosio nel sangue (iperglicemia), e dovuta ad un’alterata quantità o funzione d’insulina. Esistono vari tipi di diabete: tipo 1 in genere insorge in infanzia e adolescenza, tipo 2 in genere si  manifesta dopo i 40 anni d’età  e infine il diabete gestazionale il quale si può manifestare in gravidanza.

www.archeologiaindustriale.org (credits)
www.archeologiaindustriale.org (credits)

 

I sintomi di questa malattia possono essere sete intensa, fame intensa, bisogno di urinare frequentemente, improvviso offuscamento della vista, affaticamento o stanchezza, formicolio ai piedi. E’ fondamentale consultare il medico di famiglia, per ogni dubbio. Esso potrà consigliarvi gli esperti a cui rivolgersi e le analisi da effettuare.

Come in tutte le patologie la prevenzione è indispensabile. Controlliamo la nostra dieta, mangiando meno grassi , più frutta e verdura. Muoviamoci, una vita sedentaria aumenta il rischio. Controlliamo il nostro peso, e smettiamo di fumare.

In 400 piazze d’italia il 14 novembre e il 15novembresaranno allestiti presidi diabetologici, coordinati da medici, infermieri e volontari per consulenze mediche gratuite, questionari diagnostici per valutare l’indice di rischio e screening per la rilevazione della glicemia.

Per conoscere la piazza più vicina a te: numero verde 800.993331

 

@Fedeabo

0 pensieri riguardo “il diabete ha scelto me . Ma anche io ho scelto me.

  • 14 novembre 2014 in 11:42
    Permalink

    …il mio compagno di viaggio da 11 anni!!! Auguri a me 😉

    Risposta
    • 14 novembre 2014 in 13:57
      Permalink

      <3 speriamo di cuore tu abbia apprezzato questo piccolo approfondimento.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *