IL MASSAGGIO AL PERINEO

Prima di parlare dell’importanza di questo massaggio e delle tecniche per effettuarlo, facciamo un introduzione per capire esattamente cos è il PERINEO:

CREDITS: www.datuopinion.com

un insieme di muscoli che sostengono inferiormente gli organi addominali e pelvici, e con la sua forma conica circonda uretra vagina e retto, assicurando la chiusura degli orifizi in modo da evitare perdite di urina o feci, ma è fortemente soggetto a sbalzi pressori e ormonali e la gravidanza rappresenta una delle principali cause di perdita del suo tono muscolare, in quanto le aumentate dimensioni dell’utero, il peso del bambino e degli annessi lo sottopongono a continue pressioni che potrebbero indebolire questa struttura e causare problematiche di incontinenza durante e dopo la gravidanza. Conoscere e prendersi cura di questa parte del nostro corpo è fondamentale per tutte noi donne, in quanto previene le lacerazioni durante il parto, e agevola la successiva ripresa, migliora i rapporti sessuali, ed è utile in menopausa per prevenire la comparsa di prolassi.

PAVIMENTO_PELVICO[1]

Un assidua arrività con esercizi mirati al perineo (ES. di KEGEL) permette di mantenerne la tonicità, e durante la gravidanza a questi potrà essere associato il massaggio, che mira invece a rendere i nostri tessuti più elastici e preparati per il parto.

Il massaggio si effettua con un olio naurale (ad es. olio di mandole dolci) o in commercio trovate anche oli specifici per il perineo, e si può iniziare a farlo dalla 34esima settimana di gestazione con una frequenza di circa 2-3 volte a settimana. Potete effettuarlo o sul letto in posizione semisdraiada, o in piedi con una gamba sollevata in appoggio sul bidet o su uno sgabello, e nel caso dovesse incontrare qualche difficoltà potreste chiedere al vostro partner di darvi una mano.

 

CREDITS: Guida al massaggio in gravidanza Weleda

Dopo esservi accuratamente deterse mani e unghie, stendete con le mani l’olio sulla superficie perineale tra ano e vagina, e con movimenti circolari raggiungete le grandi labbra e l’orifizio vaginale, a questo punto immaginate il vostro orifizio come il quadrante di un orologio e inserite la prima falange del pollice in vagina e l’indice e il medio sulla pelle circostante iniziando ad esercitare piccoli movimenti circolari a livello del quadrante inferiore (ore 3- ore 9); una volta acquisita un po’ di sicurezza con il massaggio, passate alle pressioni a raggiera, sempre con il pollice il vagina e l’indice e il medio anzi che effettuare movimenti circolari questa volta si spostano verso l’esterno come per disegnare dei raggi sulla pelle, sempre concentrandosi sul quadrante inferiore.

foto-muscoli-perineali[1]

CREDITS: Guida al massaggio in gravidanza Weleda

Con impegno, pazienza e costanza potrete ottenere ottimi risultati e arrivare al momento del parto con un perineo elastico e pronto al passaggio del vostro piccolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *