LENTAMENTE MADRE

Quando sono diventata madre ho dovuto fare i conti con un tempo nuovo, un ritmo diverso, minuti eterni, mucca e tartaruga, un tempo sospeso tra i muri della mia casa, meraviglioso quanto lentissimo.

Quando entro nelle case delle mamme, dopo il parto, provo ancora quella dolce sensazione di sospensione, come entrando in una bolla di sapone dove cambiano suoni, colori, odori e dove tutto rallenta magicamente come in una moviola…

Arriviamo al mondo lentamente, con pazienza, coraggio con il lento susseguirsi delle contrazioni.

 

Emanuela Geraci, presidente di “Mondo Doula”, ancora una volta ci regala parole perfette…

Lasciate alla nascita la sua lentezza e la sua gravità”

Frédérick Leboyer

f

..Nei primi anni di vita di un bambino le madri sono consegnate ad un ritmo di vita diverso, può essere lento, lentissimo nei primi mesi, quando bisogna creare il nido e la culla per sé stesse e il proprio bambino. Tempo di apprendimento, in cui le cose nuove sono così tante che il tempo non scorre mai, a volte il tempo sembra scomparire nella beatitudine della contemplazione di nostro figlio o nostra figlia, un tempo che vorremmo infinito, irripetibile e irrinunciabile. Consapevoli, acutamente consapevoli del tempo che fugge, “tempus fugit”, a volte solo pochi mesi prima del ritorno al lavoro.

Ma la lentezza nel nostro mondo come è contrassegnata ? E´ lento ciò che è stupido, inabile, incapace, essere lenti è una perdita di tempo nel mondo dell´azione. Ed il dubbio, il peso della lentezza si insinua nella vita delle madri, la ripetizione è noia, l´interno e gli interni in cui un bambino ci costringe a vivere sono soffocanti. Uscire con un neonato a volte può essere un´impresa, tutto cambia in continuazione, l´imprevisto è all´ordine del giorno, programmi e piani che davano un senso, un ritmo ed un orientamento allo scorrere del tempo sono spazzati via. I bambini vivono così intensamente il tempo presente che non conoscono appuntamenti, impegni, orari. Mettiamo fretta ai nostri figli e i primi a soffrirne siamo noi. I bambini ci guardano con gli occhi di una lenta, gioiosa, innocenza, e noi rispondiamo inquieti, lentamente ricordando quando il presente era tutto, e passato e futuro dei giocattoli sconosciuti.

        Su forza, vestiti, è ora di andare ! Perchè non ti sbrighi, sei ancora lì ?

Possiamo permetterci il tempo della lentezza ? A volte no, perché il lavoro, la scuola, tutti quei rassicuranti riti del quotidiano che ci assicura l´abitudine sono troppo importanti per noi.

A volte siamo velocemente eccitati, il tempo dell´attività è veloce, i bambini corrono, cambiano, cambiano così rapidamente e siamo noi ad implorare: “Ancora un po´ di tempo per favore, non sono pronta !”. Siamo lente, troppo lente, rispetto all´agile freschezza dei bambini e delle bambine. Ci sentiamo pesanti e goffi, ed è troppo difficile stupirci ancora di fronte al mondo, mentre tutto è nuovo di fronte allo sguardo di un bambino curioso.

Con tutto si può giocare e tutto può ancora essere nuovo, compreso la lentezza. Lentamente ti riprendi dalla notte insonne e disimpari, disfai la tela del tuo vecchio io, mentre accogli la realtà che ti viene incontro come un dono, con l´anima vuota come dice la Zambrano, “perchè ci sono presenze che non possono discendere laddove ne esistono altre”.

Ed allora lentissimamente e ancora più lenta ti muovi ad una velocità che non avresti mai immaginato, la velocità della vita, con la furia dei i suoi uragani ed il lento stillare della goccia sulla pietra.

Testo di Emanuela Geraci, introduzione Marta Tosetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *