BACK TO SCHOOL IN USA!

Bentrovati col nostro appuntamento con gli USA. Il labor day weekend (il weekend della festa del lavoro che cade il primo lunedì di Settembre) è considerato dagli americani come la fine dell’estate perché subito dopo ( a parte quest’anno che la festività arriva più tardi) si torna a scuola. Con l’occasione ho pensato di parlarvi di come è organizzato il sistema scolastico qui negli Stati Uniti. Chi non è rimasto affascinato dagli schoolbus tutti gialli, dagli armadietti o dai campi sportivi vedendo i telefilms americani? Io sì e non so se troverò le parole per raccontarvi quanto stupore si è affacciato nei miei occhi quando ho visto tutto ciò di persona, realizzando che quello che ci hanno sempre mostrato è vero.

IMG_6666

IMG_6660

IMG_6661

A meno che non vivete in città e il vostro reddito è davvero basso il day care, il nostro “nido”, è a pagamento e le rette sono davvero salate, tanto che, se come me sei una mamma che lavora, ti viene voglia di lasciare tutto e stare a casa. Il nostro asilo invece è la cosiddetta “pre-school” che però è facoltativa. La vera scuola iniza con il kindergarten (dal tedesco “giardino dei bambini”) che, a seconda dello Stato in cui ti trovi dura uno o due anni. Poi la scuola dell’obbligo va dal 1° al 12° anno, solitamente diviso in elementary school, scuola elementare, middle school, scuola media, high school, scuole superiore o liceo. Il numero di anni di elementary middle o high school cambiano da Stato a Stato. Ed è proprio lo Stato a procurare istruzione e formazione attraverso le tasse pagate dai cittadini e  i fondi federali. Infatti molti dei libri o dei materiali che occorro agli studenti sono fornite direttamente dalla scuola. La lista del materiale che gli studenti devono procurarsi da soli all’inizio dell’anno non è troppo lunga o almeno è molto breve se  comparata a quella italiana. A parte il Kindergarten e le elementari in cui si resta fermi in una classe, gli studenti hanno un piano di studi e cambiano aula. Quindi, per farla breve, non si parla della “classe” ma della somma di tutti gli studenti dello stesso anno scolastico, che quindi si diplomeranno tutti insieme, sempre che passino tutte le classi.

IMG_6664

IMG_6669

Alcune classi sono obbligatorie come Matematica, Inglese, Studi Sociali ed Educazione Fisica. Ci sono anche tante materie al liceo che noi non abbiamo, a meno che non si prenda una scuola specifica: cucina, home economist economia domestica, cucito, automeccanica, la classe per imparare a lavorare il legno o il metallo, musica, band e coro, per dirne alcune. Lo sport, la musica e le arti in generale sono molto importanti nell’educazione americana, basti vedere le loro strutture sportive e l’auditorium, così belli e professionali che noi italiani neanche ce li sognamo!

Inoltre visto che in America la patente si prende prima, le lezioni vengono date direttamente al liceo. A 16 anni inizia il programma Behind the wheel (dietro le ruote). Passando l’esame scritto e pratico  si ottiene il permit il permesso di guidare (lo studente deve essere accompagnato da un adulto che possiede la patente di guida da almeno dieci anni, per dirne una) che è una sorta di patente con delle limitazioni. A 17 anni diminuiscono i limiti del permit (lo studente può guidare da solo, ad esempio) ma è soltanto a 18 anni che, il ragazzo o la ragazza, viene in possesso della patente vera e propria senza restrizioni.

Musica e Sport e Cheerleading, la tifoseria femminile della squadra di football e basketball, organizzano inoltre dei veri e propri tornei con le altre scuole. Lo sport è talmente sostenuto da procurare agli altleti più meritevoli borse di studio e ingressi a college e Università prestigiose.

Dopo le scuole del’obbligo, gli studenti possono decidere se fermarsi e andare a lavorare, o continuare l’educazione facendo domanda per College o Università. Durante l’ultimo anno di Liceo, gli alunni vengono sottoposti a diversi test. A seconda dei risultati, avranno più o meno possibilità di accedere alla loro Università dei sogni, magari con una borsa di studio, visto che le rette sono davvero elevate.

IMG_6667 (1)

IMG_6668

La maggior parte degli americani frequenta la scuola pubblica, una parte la scuola privata, e una piccola parte fa homeschool, scuola a casa. La scuola a casa è praticata per diversi motivi, soprattutto religiosi o per via del bullismo.

Le scuole rispettano le festività nazionali, sono chiuse per le vacanze di Natale e per lo Spring Break (le nostre vacanze di Pasqua). I giorni persi per la neve, o per altre calamità naturali, vengono recuperati alla fine dell’anno scolastico. La scuola finisce di solito a metà Giugno. Ma ora siamo all’inizio e allora in bocca al lupo non solo agli studenti americani ma anche a tutti gli altri.

@mrsbraghelli

unaromanainamerica

In USA per amore, nel mio blog racconto di me e della “mia America” (e di tanto altro ancora), mentre qui per TheWOMOMS parlo degli americani, delle loro tradizioni e abitudini. Amo l’autunno, Instagram e mio figlio Roman (non necessariamente in quest’ordine). Sogno Parigi, che come dice qualcuno che mi conosce bene, è la città che mi assomiglia di più. Magari un giorno scoprirò se è vero. Blog personale: www.unaromanainamerica.com

0 pensieri riguardo “BACK TO SCHOOL IN USA!

  • 7 settembre 2015 in 12:17
    Permalink

    Sempre interessanti i tuoi articoli, Alessandra, e le tue foto poi… sembra di essere catapultati in uno di quelle serie americane che da adolescente (e non solo..) ho così tanto adorato!) Brava!
    Sabrina

    Risposta
    • 7 settembre 2015 in 13:28
      Permalink

      Grazie Sabrina. Spesso mi ci sento spesso anche io quando vedo delle scene che me li ricordano. E sorrido.
      Baci

      Risposta
  • 7 settembre 2015 in 13:33
    Permalink

    Ciao! Mi hai fatto pensare a me e a mia sorella, adolescenti, che, guardando i telefilm americani, sognavamo. A Giugno ho scritto un altro articolo sulla scuola sempre qui per the WOMOMS® Sul ballo di fine anno. Leggilo se ti va.
    Grazie.

    Risposta
    • 8 settembre 2015 in 0:52
      Permalink

      Tranquilla, non è un problema, è con TheWOMOMS® siamo tante! Ho bisogno di un po’ di tempo però, ma risponderò. Ti ringrazio

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *