COME COSTRUIRE IL CREDITO IN AMERICA

Prima di arrivare in America, non ho mai posseduto una carta di credito, anzi, la sola idea di dovermi indebitare e perdere il conto delle mie spese mi faceva impazzire. Qui negli Stati Uniti però, è tutta un’altra storia: la carta di credito, non solo è utile, ma proprio indispensabile per costruire il proprio credito, senza il quale si è praticamente nessuno. Siamo in una società capitalistica, non dimentichiamocelo!

Avere delle carte di credito è sicuramente vantaggioso, poiché permette di pagare, pur non disponendo di denaro liquido al momento. Detto così, entrare in possesso di una carta di credito sembra davvero semplice, ma vi assicuro che non lo è, soprattutto se partite da zero come me. Il primo passo da fare è richiedere la carta completando la richiesta online. Vi verrà comunicato l’esito per iscritto via posta. Se la risposta è negativa, potreste però rivolgervi alla banca dove avete un conto aperto (negli Stati Uniti, s’intende!) e iscrivervi ad un programma, che non so esattamente come funzioni, che vi consente di iniziare a costruire il vostro credito e ad avere la possibilità di usufruire di eventuali carte di credito in futuro.
Invece, se la risposta è positiva, una volta ottenuta la carta, di partenza con credito limitato, va utilizzata il più possibile. Ovviamente ricordate di non superare il limite e soprattutto di saldare il conto delle spese effettuate con la vostra carta, entro la data di scadenza. Quando avrete usufruito della carta di credito per un certo periodo di tempo, avendo rispettato tutti i pagamenti, potrete provare a richiedere un aumento del limite di quella carta stessa.

IMG_6034

Per aumentare il credito è bene avere almeno tre carte a nome vostro, ma non c’è un limite. L’importante è utilizzare le carte di frequente senza avvicinarsi troppo al totale del vostro credito. Bisogna comunque stare molto attenti, perché più aumentano le carte, più diventa complicato stare dietro a tutti i conti da fare e il rischio di rovinare il credito aumenta. Avere carte che restano inutilizzate, tuttavia, non è altrettanto consigliabile. Anche le catene di negozi hanno la loro carta di credito da utilizzare per le spese effettuate nel negozio stesso. Alcune compagnie vi stimolano a usare la loro carta, per i premi che offrono o perché, se la utilizzate spesso o per l’acquisto di certi prodotti o la usate per i viaggi, vi viene restituita una percentuale della vostra spesa. Questo meccanismo spinge il possessore della carta a servirsi maggiormente della carta di credito. Ovviamente quando si utilizzano più carte, c’è il rischio di dimenticare qualche pagamento.
Ci sono comunque dei siti online e delle app per i vostri smart phones che vi consentono di tenere il conto delle vostre carte di credito.

A cosa serve questo benedetto credito? Perché è così importante? Perché è tanto ambito?

Il credito è fondamentale per vivere negli Stati Uniti. Tutte le azioni della vostra persona, per la società, vertono sul vostro credito. Senza di questo non potete acquistare o compiere operazioni finanziarie a lungo termine, come acquistare un’automobile o ottenere un mutuo. Il consiglio è quindi quello di utilizzare le carte il più possibile, ma senza esagerare, sapendo di essere in grado di coprire la spesa effettuata entro la data di scadenza. Cosa succede se non viene effettuato il pagamento? Di solito ci sono delle penali all’inizio, una piccola spesa in aggiunta al debito da pagare. Se si continua a non pagare, vengono fatti dei solleciti da parte della società creditrice. Dopo un numero indecifrato di solleciti senza risposta, la compagnia avvisa che manderà un “bill collector”, qualcuno che va direttamente a chiedere i soldi al debitore. L’esattore è una di quelle persone che non vorreste incontrare mai nella vita, credetemi. Già a questo punto potreste dire addio al vostro bel credito e al sogno americano: solo un folle potrebbe darvi il consenso per un prestito o un mutuo! La situazione tuttavia potrebbe andare ancora peggio, si può finire in tribunale o, nei casi più estremi perfino in galera, ma credo che già l’idea dell’esattore vi abbia fatto immaginare quanto importante sia pagare in tempo. Sbaglio?

Ovviamente si può ampliare il discorso, potremmo stare qui per ore, potreste farmi innumerevoli domande, a cui sinceramente, non intendendomi di finanza, non sono certa di potervi rispondere correttamente (se volete, fatemele lo stesso, tentar non nuoce). Facciamo così allora, questa parte la lascio a voi: se siete interessati a vivere negli Stati Uniti, ricercate, chiedete, informatevi.  Intanto per il momento io vi lascio e scappo a far girare l’economia e a costruire il mio credito: vado a fare shopping!
Alla prossima

IMG_6322

unaromanainamerica

In USA per amore, nel mio blog racconto di me e della “mia America” (e di tanto altro ancora), mentre qui per TheWOMOMS parlo degli americani, delle loro tradizioni e abitudini. Amo l’autunno, Instagram e mio figlio Roman (non necessariamente in quest’ordine). Sogno Parigi, che come dice qualcuno che mi conosce bene, è la città che mi assomiglia di più. Magari un giorno scoprirò se è vero. Blog personale: www.unaromanainamerica.com

Un pensiero riguardo “COME COSTRUIRE IL CREDITO IN AMERICA

  • 1 giugno 2016 in 17:35
    Permalink

    Mamma mia quante carte… c’é da impazzire 😉 … io faccio danno solo con una 🙂 🙂 🙂
    :-* <3

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *