LA MIA GIORNATA LAVORATIVA CON 5 FIGLI TRA FATICA E SORRISI

Sono passati quattro mesi da quando è nato Alex e dopo l’entusiasmo iniziale stiamo tornando piano piano a una pseudo normalità.

Sì perchè è un pò difficile parlare di normalità in una famiglia con 5 figli, è forse meglio dire che stiamo acquisendo un nuovo equilibrio.

Dopo i primi capricci iniziali Eros si è ormai abituato ad essere un fratello maggiore e vive Alex come una parte di se: lo cerca, lo protegge, vuole stare con lui, e questo è sicuramente ciò che più di tutto speravo. Le ragazze sono prese dalle ultime interrogazioni prima della fine della scuola, ma trovano sempre il momento per giocare un po’ con l’ultimo arrivato e lui intanto ci regala sorrisi a non finire. E’ un bimbo che piange poco, dorme tanto e sorride sempre, insomma ci porta tanta allegria.

received_10208137842876418

Non vi nascondo però che non sono tutte rose e fiori. Io alterno giorni di profondo entusiasmo, come quando il mio amico Daniele mi ha chiamata per regalarmi qualche scatto con Alex e alla più recente cresima di Miriana, a giorni di crollo vero e proprio in cui i pensieri negativi prendono il sopravvento; sono stanca fisicamente e mentalmente 5 figli si fanno davvero sentire.

received_10208132055971749

 

received_10208137842916419

Corro da mattina a sera nel vero senso della parola, approfitto dei momenti nei quali Alex dorme per poter fare le faccende di casa o stare dietro a lavatrici e ferro da stiro e alla fine ho zero tempo da dedicare a me stessa se non per una doccia veloce. Ma tutto questo non va proprio bene.  Una mamma deve stare bene per potersi dedicare ai suoi figli altrimenti si crea tensione, si sta male in famiglia la casa è un disastro e anche il rapporto di coppia va a farsi benedire. Per fortuna ho un marito che sa ascoltare e cogliere i momenti anche se non sembra, e questa settimana ha deciso di stare a casa da lavoro e darmi una mano per riprendermi un po’.

IMG_2271

 

20160530_190554

Così finalmente la mattina me la prendo un pò più comoda, riesco ad essere più rilassata e la sera abbiamo preso l’impegno di andare a camminare almeno per 40 minuti all’aria aperta, sia per rimetterci in forma che per stare un pò insieme. Questo è sicuramente un primo passo da fare assolutamente, per una neo mamma l’umore è importantissimo  e fare attività fisica e rimettersi in forma aiuta davvero a ritrovare un pò se stesse. Oggi intanto ho trovato il tempo per scrivere un pò bevendo un buon caffè e facendo progetti.. e questo è già un buon inizio!

frackomina

Mi chiamo Maria Francesca Marongiu, ma tutti mi chiamano solo Francesca e sono soprattutto mamma di 5 figli! Studio Scienze dei Servici Giuridici all'Università di Cagliari. Adoro i bambini e tutto ciò che li circonda, adoravo la gravidanza, le mie sono state difficili ma indimenticabili.

12 pensieri riguardo “LA MIA GIORNATA LAVORATIVA CON 5 FIGLI TRA FATICA E SORRISI

  • 4 giugno 2016 in 16:49
    Permalink

    Come sempre mitica!! Dici sempre le cose giuste siete una splendida famiglia e tu una grande mamma e grande donna❤

    Risposta
    • 5 giugno 2016 in 10:26
      Permalink

      Grazie mi fai emozionare♥♥♥

      Risposta
  • 5 giugno 2016 in 0:29
    Permalink

    Frackkkk tu sei una supermamma ed una superdonna ed Io ti ammiro tantissimo! ❤️❤️❤️

    Risposta
    • 5 giugno 2016 in 10:28
      Permalink

      Michy grazie di cuore. .ti abbraccio forte forte♥

      Risposta
    • 4 settembre 2016 in 18:11
      Permalink

      Ma grazie, davvero gentile. ma è solo la forza che abbiamo tutte noi mamme! Un bacio a te. 😉

      Risposta
  • 8 gennaio 2017 in 12:11
    Permalink

    E io che sento pesanteźzangelo con tre! Sto zitta e prendo esempio ,un inchino a te….

    Risposta
    • 8 gennaio 2017 in 12:58
      Permalink

      Tu non devi stare zitta, anzi! Noi mamme facciamo tanto ed è giusto cominciare a prenderne atto! 3 bimbi non sono pochi da gestire, specialmente se uno è appena nato. Quindi se sei stanca, lamentati pure è un tuo diritto, e se hai la fortuna di avere qualcuno che ti da una mano, approfittane per riposare un po’ senza sentirti in colpa. Un abbraccio.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *