UN’ INSOLITA ESTATE

E anche Agosto volge ormai al termine, iniziando a portar via un pò di questa estate che per noi è stata abbastanza insolita: poco mare, poche gite fuori porta, vacanze annullate causa febbre insomma MAINNAGIOIA!

E vabbé, vorrà dire che le prossime stagioni saranno da urlo, come si dice dopo la tempesta torna sempre il sereno no?

Alex ha già 7 mesi e sta acquistando una certa autonomia, è più attivo cerca Eros per giocare,e quando vede una delle sorelle inizia a far festa battendo le manine. A voi sembrerà strano che dopo 5 figli io riesca ancora a emozionarmi e entusiasmarmi per ogni piccolo progresso del più piccolino, ma vi assicuro che ogni volta è come fosse la prima nel vero senso della parola. Ogni figlio è diverso, ognuno di loro è un piccolo tesoro e capita che io mi fermi ad osservarli e a cercare di catturare ogni piccola differenza che li caratterizzi e li renda unici, Forse è questa l’essenza dell’essere madre; meravigliarsi della vita ogni volta, guardare ogni figlio per la sua unicità.

IMG_4891

Ma essere madre è anche enormemente stancante e a volte anche snervante; l’estate è la mia stagione, quella che mi risveglia e mi riempie di energia, quest’anno invece è stata devastante, e ho avuto parecchi crolli, sopratutto fisici; avere 5 figli di età così diverse è una lotta quotidiana per incastrare mille impegni e cercare di accontentare tutti.

E allora ci sono state giornate cominciate all’alba per preparare pasti e borse per il mare (e vi assicuro che di borse ne devo preparare parecchie) e raggiungere la spiaggia che più piaceva alle ragazze in modo che potessero stare con i loro amici. Per noi mare significa partire al mattino presto e rientrare intorno alle 7 di sera, quindi scarica macchina doccia per tutti svuota le borse, prepara la cena, allatta il più piccolo, cena e poi pulisci la cucina e poi?

IMG_3996

IMG_4728

IMG_5018

IMG_5037

Poi capita che magari è sabato, e la più grande giustamente ti chieda di andare in discoteca e tu prima o poi devi lasciarla andare, devi darle fiducia: si ok bene ma almeno l’accompagno io! Quindi prendo il più piccolino con me  e accompagno la sorella maggiore in discoteca in un paese a 15 minuti di macchina da casa. La lascio con mille raccomandazioni e torno a casa; trovo il cinquenne ancora sveglio che vuole che lo metta a letto io, e va bene tanto dopo circa venti canzoncine si addormenterà… forse! E finalmente tutti dormono e magari riesco a dormire anch’io, naturalmente dopo aver programmato la sveglia alle 4, 30 per andare a prendere la sorella maggiore. Ok, Morfeo si impadronisce di me, ma giusto il tempo di farmi coccolare dal sonno che già suona la sveglia. E allora mi rivesto velocemente, salgo in macchina quasi all’alba e mentre guido ripenso a quando ero io una giovane ragazza e i miei proprio non mi facevano uscire e io mi arrabbiavo perchè proprio non capivo come mai  io mi sentissi già grande e loro invece non vedevano altro che una bambina, e invece ora, ora che sono io dalla loro parte, li capisco, eccome se capisco i miei genitori, tutte le loro ansie, le paure sono le stesse che ho anch’io per i miei figli. E assorta nei miei pensieri arrivo nel parcheggio della discoteca spengo la macchina e aspetto mia figlia e osservo. Osservo tanti piccoli zombie barcollanti che escono da una serata che dopo una bella dormita neanche ricorderanno e in mezzo a loro vedo un sorriso carico di felicità e fresco che corre verso di me e con un entusiasmo che quasi mi disarma quel sorriso si apre in un CIAO MAMMA e mentre la mia figlia maggiore sale in macchina e inizia a raccontare di quanto sia stato bello, di quanto abbia ballato e si sia divertita capisci che invece nonostante tutto, nonostante i mille impegni, la stanchezza, le incomprensioni io penso che alla fine sto facendo un buon lavoro. Quando vedo i sorrisi dei miei figli, quando SENTO le risate dei miei figli, tutto passa, tutto, anche un estate insolita, senza vacanze, con la febbre e senza gite fuori porta, ma con un amore così forte e unico che neanche mille vacanze estive potranno mai donarmi.

IMG_4174

frackomina

Mi chiamo Maria Francesca Marongiu, ma tutti mi chiamano solo Francesca e sono soprattutto mamma di 5 figli! Studio Scienze dei Servici Giuridici all'Università di Cagliari. Adoro i bambini e tutto ciò che li circonda, adoravo la gravidanza, le mie sono state difficili ma indimenticabili.

10 pensieri riguardo “UN’ INSOLITA ESTATE

  • 30 agosto 2016 in 21:56
    Permalink

    Posso riassumere tutto così. .. ♡♡♡

    Risposta
  • 30 agosto 2016 in 21:58
    Permalink

    Io mi perdo con due, ti ammiro, punto <3

    Risposta
  • 30 agosto 2016 in 22:13
    Permalink

    Bambini piccoli problemi piccoli bambini grandi problemi grandi!!! Anch’io ho un ragazza di 18anni che va in discoteca o nei locali per fortuna ha trovato un ragazzo splendido che mi fa stare tranquilla anche se la paura che possa succedere qualcosa c’è sempre ma devono vivere ed e giusto così!! Poi ho la piccolina di 5 che mi da da fare parecchio un vulcano di 14kg che non mi fa annoiare nemmeno un minuto ma ringrazio dio tutti i giorni del dono che mi ha fatto!!

    Risposta
  • 30 agosto 2016 in 22:40
    Permalink

    Che forza!!!! Complimenti sei proprio una super mamma. E siete una splendida famiglia!!!

    Risposta
    • 30 agosto 2016 in 22:58
      Permalink

      Grazie tesoro. .. troppo buona♡

      Risposta
  • 30 agosto 2016 in 22:58
    Permalink

    Lo dico io che sei una potenza ❤️Brava Frack sei il perno principale della tua famiglia ed è una famiglia piena d’amore

    Risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *