IL SEGRETO PER FAR DORMIRE MIO FIGLIO OVUNQUE

Mio figlio ha pensato bene di nascere 12 giorni prima della data presunta facendo rivoluzionare, giustamente, una serie di piani e di impegni di lavoro del mio compagno.

Così ci siamo trovati a dover spostare un suo viaggio di lavoro successivamente al nostro rientro a casa dall’ospedale.
Alla domanda del mio compagno: “Cosa fate voi? State a casa?” La mia risposta è stata un deciso “NO, noi ti seguiamo”.


Non amo dormire in casa da sola, e’ una casa troppo grande e troppo piena di rumorini molesti e l’idea di trovarmici da sola con un nanetto di pochissimi giorni non mi allettava per niente, così pronti via, decisione presa: SI PARTE IN TRE!
Il secondo successivo è sorta una domanda pressante nella mia testa: “come farò a farlo dormire in 6 letti diversi in 8 giorni? Come farò a farlo sentire al sicuro in ambienti sempre diversi soprattutto la notte?”
Ero nel panico.
Non avevo idea di come fare.
Mi immaginavo nelle hall degli alberghi a cullare un pupo disorientato e urlante con un corredo di occhiaie che poteva far invidia alla collezione di borse di Victoria Beckham!
Allora ho iniziato a pensare ai mille stratagemmi che avrei potuto inventarmi.
Comprare una culla portatile era quello più semplice però non avevo la macchina per andare al negozio e non ero dell’idea di fare un acquisto di quel genere così presto anche perché un neonato dentro ad un lettino da viaggio adatto anche fino si tre anni non si sente comunque contenuto e protetto . Opzione uno :scartata.
Passo all’idea successiva: un pupazzetto che “sappia di me”.
Sì ok quello sì che ve lo consiglio perché almeno potete osare allontanarvi dalla stanza del bambino anche a casa facendogli pensare che siate lì vicino perché sente il vostro profumo, però non mi risolveva la questione del: si deve addormentare in braccio o in un lettino e se lo appoggio o lo sposto si accorge. Opzione due: attuata ma non risolutiva.
Così mi sono un pochino ingegnata e pensando a fasce varie,metodi di contenimento del neonato,braccia della mamma,abbraccio e altre teorie studiate in università o vissute in quei pochi giorni di Mammitudine mi si è accesa una lampadina: IL SACCO NANNA!!!!!!!

img_3564
Comprato tempo zero ho subito pensato potesse essere la soluzione a tutti i nostri mali  ed ora ora vi spiego come e perché .
La motivazione è una e una sola: il pargoletto,per quanto furbo, nel sacco nanna non si accorge degli spostamenti e pensa di essere sempre nello stesso posto .
Quindi abbiamo iniziato il nostro training per sacco.
Per farlo addormentare lo inserisco prima nel sacco nanna e poi gli do l’ultima poppata con conseguente suo addormentamento. Una volta sicura che dorma lo appoggio nella sua culletta e al risveglio per la poppata successiva non faccio altro che estrarlo dalla culla dentro al sacco e ripetere l’operazione.

img_3563
Sembra una banalità ma non dovrete più fare mosse da ninja per inserirlo tra le coperte senza che si svegli.
In viaggio ci ha aiutati da matti perché in ogni albergo/ casa/ braccia in cui abbia preso sonno, per lui era come a casa.
Ora, mio figlio ha reagito così e penso che non abbandoneremo mai il sacco nanna che utilizziamo anche nella carrozzina (ne ho ben 4 ora) .

img_3562
img_3565
Non penso sia la soluzione ideale per tutti però vi consiglio di provare ! La spesa e’ minima e ,se funziona ,la resa è massima! In più non riescono a scoprirsi ! Altro punto a favore!
E voi? Come avete fatto a far dormire i vostri figli anche fuori casa senza spaesarli troppo? Raccontatecelo nei commenti!❤️

annina85

Mamma di Orlando Antonio dal 7 settembre 2016 amo i bambini e tutto ciò che li riguarda...amo fare la mamma e coccolare il mio compagno con mille attenzioni. Vivo la mia vita da Paperino cercando di darle un senso e ridendoci su senza troppi pensieri!

2 pensieri riguardo “IL SEGRETO PER FAR DORMIRE MIO FIGLIO OVUNQUE

  • 29 novembre 2016 in 8:33
    Permalink

    Averci pensato prima!!! In effetti il trucchetto del ‘pensa di essere sempre nello stesso posto’ è geniale! Io ho avuto le braccia impegnate per mesi perché una volta addormentato non avevo il coraggio di metterlo giu’… ma se ci sarà una prossima volta me ne compro 4 di sacchi nanna!

    Risposta
  • 30 novembre 2016 in 15:16
    Permalink

    Anna è un consiglio preziosissimo! Ad averci pensato prima…ogni volta che si addormentava in braccio posandola nella culla riapriva gli occhi… Grazie per averlo condiviso con noi tutte! :)

    Risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *