CIAMBELLA ALLA RICOTTA

Fa freddo. E’ ufficiale.
Gennaio è, quel periodo in cui hai fame, ma pensi al’estate, all’iscrizione in palestra,
e morale della favola finisci per star li’ spiaccicata sul divano con addosso il plaid tazza alla mano e dolcetto all’altra.
Parliamoci chiaro, se non passa l’ondata di gelo, nessuno ha voglia di far niente!
Io per prima, nasco, cresco e morirò pigra.
Mi basta un po di freddo per annullare tutti i miei piani e starmene sotto alle coperte, potri aspettare la fine
del letargo, come gli animali, non sarebbe poi una brutta idea!
Ci penso sempre, a Novembre saluto tutti, mi impadronisco del divano, mi faccio una scorta di dolcetti, mi monto la postazione social, costruisco una capanna sul divano con il plaid e.. SVEGLIATEMI IN PRIMAVERA!!

  • No basta, seriamente,dobbiamo muoverci!! Ma prima, voglio scrivere una ricetta golosa,
    poi promesso,lunedi’ dieta!
    Il dolce che propongo oggi, e’ una ciambella alla ricotta ed ovviamente cioccolato.ssss
    250 g di farina
    1 bustina di lievito per dolci
    1 bustina di vanillina
    250 g di ricotta
    100 g di zucchero
    3 uova
    2 cucchiai di cioccolato spalmabile
    Burro e farina per lo stampo
    *Zucchero a velo (optional)Preparazione:
    In una ciotola unire lo zucchero, le uova e montare con le fruste elettriche fino ad ottenere
    un composto chiaro e spumoso.
    Continuando a lavorare incorporare la ricotta, la farina setacciata, il lievito e vanillina.
    Imburrare una tortiera da ciambella di 22 centimetri di diametro, cospargerla con un leggero strato di farina e scuoterla per eliminare le eccedenze.
    Prima di versare l’impasto, prelevatene un mezzo bicchiere circa, e unite i due cucchiai di nutella.
    Versate prima l’impasto scuro quindi, e poi il restante bianco.
    Cuocere nel forno preriscaldato a 180° C per 40 minuti circa .
    fae sempre la prova stuzzichino!
    Lasciarla intiepidire e sformarla. Cospargerla di zucchero a velo se piace.DSC_0886

Un pensiero riguardo “CIAMBELLA ALLA RICOTTA

  • 17 gennaio 2017 in 16:52
    Permalink

    Ciao, bella ricetta! Anche se dopo i bagordi natalizi bisognerebbe avere uno stile di vita morigerato, io la torta per la colazione dei bambini la faccio sempre!

    Grazie per gli spunti interessanti, non solo nel campo della cucina!

    Priscilla X di http://www.datemiunam.it

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *