GENNAIO: LE MIE TRE COSE PREFERITE

Siamo già a fine Gennaio! Ma il tempo ha deciso di marciare più velocemente o è sempre stato cosi e io me ne sono accorta solo da quando sono diventata mamma?
Quest’anno sarà un anno importante per te: festeggerò 30 anni (anche se continuerò a dichiararne 25 finché sarò credibile), mi impegnerò seriamente per migliorare sia fisicamente che mentalmente e accoglierò a braccia aperte ogni novità che la vita mi regalerà.
Il 2017 è iniziato con la marcia giusta; lasciando allo spalle un 2016 davvero disastroso che si trascinava un 2015 da cardiopalma. Vediamo di chiudere qui la cerchia delle gioie mai arrivate ok!?!?!! Quindi caro il mio Karma, Destino, Fato, o che dir si voglia, butta uno sguardo di compassione su di me e lasciami tirare un sospiro di sollievo. GRAZIE.

Dicevamo: anno nuovo e buoni propositi.
Le abitudini invece, per fortuna o purtroppo, sono rimaste le stesse….mannaggia a me e alle mie mani bucate! Ormai sono cosi buche che sembrano in traforo del Monte Bianco…..E diamocela una calmata per la miseria!!!!
Quindi, davanti a tutte voi, dichiaro solennemente che chiudo i rubinetti delle spese inutili. Lo dichiaro a voi, giuria di The Womoms: cosi non ho più scuse.
Quindi vi racconto la mia ” to do” list di Gennaio e i miei 10 minuti preferti.

 

image

LIBRI
Avevo cosi tanti libri in arretrato che ho schivato le librerie per ben 20 giorni, o anche di più. Ho deciso da quale cominciare e arricchirò la mia lista delle nuove letture solo dopo essere arrivata a meno della metà dei titoli che mi aspettano. I generi sono diversissimi, ma la voglia di leggerli è tantissima qualsiasi titolo mi capiti a tiro. Ho scoperto che mi piace molto leggere alla mattina presto, anzi prestissimo. È un momento tutto mio che ogni tanto mi concedo quando ho voglia di iniziare la giornata con calma. Di solito cade nei giorni che sono a casa, cosi da poter poi dedicare il giusto tempo ai lavori domestici e a Matilda, che ovviamente non si acconteta di 12 ore di gioco.
Perciò, bando alle ciance, si comincia!
…..anche se mi sono regalata 10 minuti per acquistare il terzo libro della saga “Le Sette Sorelle” di Lucinda Riley….non potevo, non potevo aspettare un giorno di più senza averlo nella mia libreria!

 

image

BENESSERE

Continuo il mio percorso Con e Su me stessa. Lo faccio leggendo, bevendo tisane e iniziando a fare sport. Lo pratico qui in casa con l’aiuto di pochissime cose. Nulla d’esasperante, solo un po’ di movimento per mantenermi attiva.
Ho apprezzato 10 minuti di musica di sottofondo con solo il rumore del crepitio del fuoco mentre iniziavo il libro sul metodo Hygge.
Ho scoperto una tisana nuova e dei biscotti alle mandole golosissimi che mi hanno accompagnata nei 10 minuti di colazione a luci spense, uniche illuminazione 3 candele alla vaniglia.
È bellissimo svegliarsi e godersi il risveglio del mondo, il sole che sorge….

 

image

SHOPPING
Allora: non è che ho già dimenticato la promessa fatta. È che è successo prima dell’uscita di questo post, quindi sono ancora in regola.
In realtà ho acquistato pochissimo, anche perché il senso di colpa verso le spese inutili era già in agguato da metà Dicembre.
Ho scoperto (anche se ne ero più o meno consapevole anche prima quando la frase che più mi rappresentava era “magari lo uso”) che tante cose che prima volevo e acquistavo, non mi sono mai servite o le ho usate pochissimo, quindi ho acquistato solo quello che davvero userò.
Ieri per esempio, ho fatto il conto di quando ho speso e a quanto sarebbe ammontata la spesa se avessi preso tutto quello che volevo…scandalosa!!! Cioè, credo ancora d’avere 20 e una vita sociale attivissima che manco la Ferragni…STOP!!!!

Infatti mi sono regalata 10 minuti di complimenti a me stessa per aver imparato a trattenermi, senza sensi di colpa.
Chiaro è che lo shopping è e rimarrà per sempre la “cura” a tutti i momenti no, alle litigate con il compagno e a tutto quello che richiede la frivolezza e la voglia di sentirsi bene con un rossetto nuovo o con quella gonna plissè color cipria.
Ma ho voglia di cambiare e parto da qui, con l’armadio pieno di vestiti e di buone intenzioni.

image

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *