CUORE SOFFICE ALLE PESCHE

Pesche gialle, pesche bianche, pesche nettarine, pesche merendelle: ma quante ce ne sono? In estate la pesca è uno di quei frutti che non può mancare sulla nostra tavola; è ricca di gusto e contiene molti minerali e vitamine, tra i quali il beta-carotene che apporta benefici alla nostra pelle, soprattutto se esposta al sole.

La pesca è un frutto che si presta ad una grande varietà di preparazioni: confetture, pesche sciroppate, succhi di frutta, pesche caramellate, torte, gelati, sorbetti; tanti gusti diversi per soddisfare ogni tipo di palato, anche quello più esigente!

Il dolce che vi propongo oggi è il CUORE SOFFICE ALLE PESCHE: una torta estiva, leggera e golosa, perfetta per far mangiare la frutta anche ai vostri bimbi. Zero latte, zero burro, zero sensi di colpa! E’ talmente buona che vorrete prepararne subito un’altra! E allora, cosa aspettate? Correte ad infornare questa delizia!

INGREDIENTI:
• 3 uova
• 200 gr di farina 00
• 160 gr di zucchero
• 3 pesche
• ½ vasetto di yogurt bianco o alla pesca
• 100 ml di olio di semi di arachidi
• 1 limone (scorza grattugiata)
• ½ bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO:
Lavate con cura le pesche, privatele della buccia e tagliatele a fette sottili. Nella planetaria, o con le fruste elettriche, montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso; aggiungete poco alla volta la farina ed il lievito setacciati, la scorza del limone, lo yogurt ed infine versate l’olio a filo; continuate a mescolare fino a quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati. Imburrate ed infarinate una teglia del diametro di 22-24 cm (io ho utilizzato uno stampo a forma di cuore) e versate metà del composto; disponete le fette di pesca in modo da riempire tutta la circonferenza della vostra teglia; versate il restante impasto e terminate con le restanti pesche ripetendo l’operazione. Infornate la vostra torta di pesche in forno preriscaldato a 180° e lasciate cuocere per circa 50-55 minuti (fate sempre la prova stecchino). Lasciatela intiepidire e, se preferite, cospargetela con dello zucchero al velo.

SUGGERIMENTI:
• potete utilizzare anche le pesche nettarine senza privarle della buccia, ovviamente devono essere biologiche e non trattate in superficie;
• se avete particolari intolleranze potete sostituire le pesche con le albicocche oppure con la frutta che più vi piace;
• si conserva per almeno 3 giorni ma vi assicuro che finirà molto prima!

 

Veronica

Veronica, 29 anni, impiegata e amante del cibo homemade. Adoro pasticciare in cucina utilizzando ingredienti semplici e alla portata di tutti. Ho paura delle api ma vado matta per il loro miele!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *