GRAVIDANZE GEMELLARI: FACCIAMO CHIAREZZA

gemelli (1)

Quando sei incinta e vai alla prima visita, speri che tutto stia andando per il meglio. Lo speri con tutta te stessa. Quindi quando il ginecologo ti dice che gli embrioni sono due, in quel momento non riesci a pensare ad altro che “Cosa?” “Ma è sicuro?” “Ommiodio” “E adesso cosa facciamo?”.

La gravidanza gemellare è un evento eccezionale, raramente si conosce qualcuno che ci è passato, e quindi è più difficile sapere a che cosa si andrà incontro.

La prima cosa da sapere è il tipo di gravidanza gemellare che si è instaurata. Avete presente quando si parla di gemelli omozigoti o eterozigoti? Quando si chiede “ma sono uguali uguali uguali o sono diversi?”.

Si parla di gemelli eterozigoti o meglio dizigoti, quando due ovuli vengono fecondati da due spermatozoi nello stesso momento. I dizigoti si impiantano nella parete uterina separatamente e si vanno a formare due placente separate. I dizigoti sono geneticamente diversi, motivo per cui possono anche essere un maschio e una femmina. In questo caso si parla di fratelli gemelli più che di gemelli veri e propri.

Questo tipo di gravidanza è il più frequente e si parla del 70% di tutte le gravidanze gemellari.

Quando invece si parla di gemelli omozigoti quando una cellula uovo viene fecondata da uno spermatozoo, ma successivamente, per cause sconosciute, avviene la divisione dello zigote.  A seconda dei tempi in cui l’uovo si è diviso si hanno diversi tipi di gravidanza:

  • (un terzo dei casi): la divisione tra il primo ed il terzo giorno dopo la fecondazione dà luogo a due embrioni che si impiantano separatamente, e quindi a una gravidanza gemellare bicoriale (= 2 placente) biamniotica (= 2 sacchi amniotici).
  • (due terzi dei casi): se la divisione avviene tra il quarto e l’ottavo giorno dopo la fecondazione, il risultato è una gravidanza monocoriale (= una placenta) biamniotica (= 2 sacchi amniotici).
  • (1% dei casi): se la divisione avviene tra il 9 e il 12 giorno, il risultato è una gravidanza monocoriale (= 1 placenta) monoamniotica (= 1 sacco amniotico).
  • (molto raramente): se la divisione avviene dopo il 13 giorno, il risultato è una gravidanza monocoriale monoamniotica con gemelli congiunti (cosiddetti siamesi).

I gemelli omozigoti sono geneticamente uguali per questo motivo saranno sempre dello stesso sesso.

Questo tipo di gravidanza avviene nel 30% dei casi di gravidanze gemellari e non c’è assolutamente familiarità, ma il tutto è dettato dal caso.

gemelli

Tante volte mi viene chiesto se ci aspettavamo di avere gemelli e se nelle nostre famiglie c’era già qualche caso di gemelli! La mia risposta però è no. Perché? La mia gravidanza è rientrata nel 30% dei casi, quindi una gravidanza con gemelli omozigoti, in particolare con una placenta e 2 sacchi. Gravidanza gemellare dettata dal caso e dunque totalmente inaspettata!!Ribbet collagecredits: IG @ary_sayyesto, altre foto www.google.it

ary_sayyesto

Donna, moglie, mamma e tanto altro! Classe 1981, nasco e cresco a Bolzano con una forte contaminazione tedesca! Finito il liceo mi trasferisco a Padova per studiare. Qui conosco mio marito e la nostra vita viene stravolta nel settembre del 2013 quando nascono i nostri gemelli Gregorio e Sebastiano. Ma la mia vita non è solo lavoro e famiglia; dopo aver creato due diversi progetti, uno dedicato al momstyle e uno dedicato agli eventi su misura, ho deciso di racchiudere in un solo progetto quelle che sono tutte le mie passioni, è così che nasce Say yes to.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *