Back to school, ecco come l’ho organizzato al meglio!

Settembre è per noi il mese dei cambiamenti e da un paio di anni in particolare vede Raffi come protagonista di alcuni eventi importanti. Eventi che fanno parte della crescita di ogni bambino e che bisogna viverli e superarli con grande delicatezza. Siamo passati dall’eliminazione del seno per l’allattamento alla fase dello spannolinamento ed oggi siamo alle prese con il rientro a scuola.

Raffaele l’anno scorso ha fatto già l’inserimento alla scuola d’infanzia, proprio in previsione dell’arrivo del fratellino. Io ed il papà abbiamo preferito farlo abituare all’idea della scuola prima che nascesse Riccardo in modo che lui non lo avvertisse come un allontanamento ma come un luogo dove crescere e divertirsi.
E così è stato, a parte i pianti durante la prima settimana e qualche giorno prima del parto ( i bambini avvertono tutto) Raffi si è inserito alla grande nonostante fosse ancora piccolino rispetto ai suoi amici di classe.
E se per Raffi ed anche per noi genitori è stata una prova da superare, quest’anno invece ha iniziato la scuola proprio come un vero e proprio scolaretto.
Tutte le volte che durante questa estate gli dicevo che sarebbe dovuto andare a scuola dopo le vacanze, lui mi rispondeva con un grande rifiuto… giustamente era ancora in modalità vacanza e preferiva i giochi in riva al mare.
Ma quando siamo rientrati a casa ho iniziato fin da subito a riparlargli della scuola e delle maestre, a fargli rivedere il suo grembiulino e a raccontargli storie divertenti dei suoi amichetti di classe proprio per farlo abituare all’idea del rientro.

Il primo giorno è andato molto bene, a parte il risveglio traumatico dovuto dalla sveglia. Raffaele è entrato in classe entusiasta ed era felice ed anche un pò intimidito nel rivedere i suoi amichetti.
Una volta superata l’emozione iniziale ha ripreso la sua quotidianità con molta serenità. Quest’anno farà anche il turno prolungato così sarà più facile organizzarmi quando sarò a lavoro.

Non vi nascondo che, nonostante sia felice di vederlo sereno e di fare progressi, mi mancano le mattinate trascorse in casa tutti tre; le colazioni lente, il suo disordine e soprattutto le sue marachelle che ormai si sono ridotte solo al fine settimana.
La cosa certa è che se l’anno scorso era più semplice prepararlo e portarlo a scuola, oggi con Riccardo ho bisogno di far incastrare tutto nel migliore dei modi. Spesso mi capita di vestire il piccolo e di scendere mentre ancora dorme.
E così, superata la fase più difficile fatta di corse e capricci ci dirigiamo verso scuola, Raffi saluta me e Riccardo ed entra in classe, ed io? Io mi divido tra le faccende di casa ed il piccolino, oppure mi dedico un paio d’ore di relax andando dal parrucchiere o dall’estetista o semplicemente mi concedo una colazione e quattro chiacchiere con le amiche aspettando che si faccia ora di pranzo per andare a riprenderlo.

E l’uscita dalla scuola è il momento in assoluto che preferisco; è una gioia vederlo correre verso di me con il grembiule mezzo sbottonato, le guance rosse rosse e lo zainetto tra le mani… possono passare giorni, mesi ed anni ma l’emozione di riabbracciarlo è sempre la stessa!

Per questo autunno che man mano si sta avvicinando sempre di più, abbiamo scelto come sempre i nostri capi iDo miniconf comodi, alla moda e perfetti per ogni occasione.
Per questi giorni dove il primo freddo si fa sentire abbiamo scelto nella nuova collezione dei jeans slim fit che calzano a pennello, magliettina a girocollo e con manica lunga ed un caldissimo cardigan che da un tocco classico ad un look più moderno.
Immancabile anche per questo autunno-inverno è il Parka che ormai da qualche anno è diventato un vero Must; caldo, pratico e super cool!

marica Ferrillo

Marica,28 anni, moglie e mamma felice,amo collezionare tazze da tea,vestiti bon ton e adoro arredare casa! Collaboratrice THEWOMOMS per la rubrica life and style

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *