Diciamo che questa prima estate a 7 non è proprio iniziata nel migliore dei modi! Eh sì, perché quest’anno a casa nostra è venuta in vacanza la varicella, e sia Eros che Alex hanno trascorso in tutto un bel mesetto tra pustole e febbre. Avete presente cosa significhi organizzare le giornate a casa con 5 figli di età diverse senza poter uscire o andare al mare? Ecco appunto, un delirio. Eros ha preso la varicella all’asilo, il virus quest’anno era così potente che non ha risparmiato neanche qualche bimbo vaccinato. Quello che più mi dispiace è che Eros si è ammalato in prossimità del suo compleanno, e quindi prima abbiamo rimandato la festa, ma poi si è ammalato anche Alex e allora proprio non abbiamo fatto più nulla.
IMG-20160621-WA0025[1]
Son state settimane davvero pesanti, tenere in casa un cinquenne e tre adolescenti più un lattante  mi ha messa a dura prova; ho dovuto praticamente abbandonare la casa senza curarla come faccio di solito e dedicarmi completamente ad organizzare la giornata ai bimbi in modo che non si annoiassero.  Per fortuna in questo le grandi mi hanno aiutata, specialmente Rachele che ha praticamente passato intere giornate a giocare con Eros. La cucina ha subito varie trasformazioni: dapprima è diventata sala pittura acquerelli e bicchieri pieni d’acqua e opere d’arte messe ad asciugare dappertutto, poi è diventata una grande pista con tanto di spalti e tifoseria e abbiamo avuto anche un campo di calcio che lo Stadio San Siro ci fa un baffo! Nonostante sia finita la scuola i nostri ritmi non sono comunque cambiati, papà si alza sempre alle 5 per andare a lavoro, mentre noi riusciamo a volte a dormire un pò di più, anche se la sveglia non suona mai dopo le 8. Essendo ancora a casa per la maternità  e proiettata al licenziamento, posso prendermela un pò più comoda la mattina, colazioni lente, qualche minuto in più in bagno, e anche coccole nel lettone. Alex adora stare con Eros e il mio letto è il luogo ideale per stare insieme a farci tante coccole.
IMG_3534
IMG_3546
Come detto non riesco a stare molto dietro alla casa, ma cerco di tenerla il più in ordine possibile e sopratutto cerco di non trascinare lavatrici e biancheria da stirare. In questo però intervengono ormai le bimbe grandi che si dividono i compiti e così le cose da fare si riducono notevolmente, in modo che non mi esaurisca del tutto cercando di fare ogni cosa, perchè non è per niente facile stare a casa accudire figli marito e tutto il contorno, è un vero e proprio lavoro, lo è H24, senza pause, perchè c’è sempre qualcosa da fare; ma è anche vero che per una donna quando può scegliere è una fortuna poter dedicare il proprio tempo a crescere i figli.
IMG_4136
Comunque dato che la varicella ormai è un lontano ricordo, e che le ferie per mio marito si stanno avvicinando, spero di passare i prossimi giorni in spiaggia. Magari riuscirò a raccontarvi anche la mia estate al mare, sono ottimista!