Ogni volta che lascio l’Italia un pezzo di me lo lascio sempre alle mie spalle, tra i posti che mi hanno vista crescere.
Ogni volta, ancor prima di partire inizio a contare i giorni che ci separano ad un nuovo incontro.
Ogni volta mi dico che devo ritornare più spesso.
img_5341
Ogni volta che lascio l’Italia la consapevolezza dell’essere ormai straniera mi colpisce: mi rendo conto che Catherine non farà l’asilo qui, che non mangerà le polpette delle suore né nasconderà gli spinaci sotto i tavoli delle mense scolastiche.
Ogni volta mi rendo conto che crescerà diversamente: senza la compagnia dei nonni e senza le merende  fatte di focaccia e pizzette. Sarà certamente felice ma non sarà qui e questo, più che a lei, un pochino fa male a me.
Se una volta vivere all’estero era per me motivo di gioia ed aveva il sapore dell’avventura, ora so che sarei pronta a dire basta. Sarei pronta a tornare in un Paese che, seppur con tanti difetti, resta uno dei più belli. In un Paese lento fatto di pasticcini la domenica, di estati soffocanti, di canti di grilli e cicale, di campagne gialle e bellissime; in un Paese che sa di famiglia.
img_5336
Ogni volta lasciarmi questa terra alle spalle diventa più difficile; ciononostante non rinnego nulla delle mie scelte: se prima ero infelice ora non lo sono più, ora ho tutto ed anche di più, ora sono immensamente grata alla vita.
img_5333
Mi è sempre stato chiaro che, nella vita, i compromessi fanno parte del gioco…sono necessari. Forse non  troverò mai il mio posto nel mondo in senso di luogo fisico. Forse sarò sempre un po’ divisa: tra la voglia di tornare e quella di ripartire. Forse lascerò pezzettini di cuore un po’ ovunque senza appartenere realmente a nessun luogo. Ma sono felice ed è la sensazione più bella che ci sia. Dopotutto so che questa mia Italia sarà sempre qui ad aspettarmi ed, ogni volta, mi sembrerà più bella.