“Respiriamo l’aria, è la primavera!” Ricordate questa canzone? L’ho sempre ascoltata con grande piacere perché mi mette di buon umore e mi fa pensare alle calde e spensierate giornate di sole. Ed è arrivato proprio il momento di respirare aria nuova, di riempire i nostri occhi con le meraviglie della natura e di assaporare ogni attimo di questa incredibile stagione.

Ma quant’è bella la primavera? Il profumo dei fiori, l’azzurro del cielo, le passeggiate all’aria aperta, quel senso di leggerezza che fa bene al cuore e alla mente. E a proposito di leggerezza, voglio dare il benvenuto alla stagione dei fiori con questi deliziosi DOLCETTI DI PRIMAVERA: si realizzano in pochi minuti e sono ottimi da servire a fine pasto per accompagnare il caffè o come spuntino per la merenda. Amanti del cocco, dico a voi: se provate questa ricetta non potrete più farne a meno!

INGREDIENTI (PER CIRCA 15 DOLCETTI):
130 g di farina di cocco
100 g di zucchero grezzo di barbabietola
buccia grattugiata di ½ limone
2 albumi
un pizzico di sale.

PROCEDIMENTO:
Versate tutti gli ingredienti in una ciotola ed amalgamate per bene fino ad ottenere un composto omogeneo; formate delle palline della dimensione di una noce e disponetele su una teglia rivestita con carta forno distanziandole tra loro. Infornate a 180 gradi in forno preriscaldato e lasciate cuocere per circa 10-12 minuti (devono risultare leggermente dorati in superficie). Lasciate raffreddare e spolverizzate con lo zucchero al velo. I vostri DOLCETTI DI PRIMAVERA sono pronti per essere serviti!

SUGGERIMENTI:
– se non avete lo zucchero grezzo di barbabietola potete utilizzare lo zucchero di canna;
– per una versione più sfiziosa potete aggiungere delle gocce di cioccolato fondente nell’impasto;
– fate attenzione a non oltrepassare il tempo di cottura altrimenti i biscotti diventeranno troppo duri;
– si conservano in un barattolo di vetro o in un contenitore ermetico per molti giorni.

Se provate a realizzare questi dolcetti fatemi sapere se vi sono piaciuti, se utilizzate qualche variante o se anche voi siete dei divoratori di cocco come la sottoscritta. Alla prossima ricetta!