Aveva avuto una giornata complicata, piena di emozioni troppo grandi, accade spesso se di anni ne hai solo cinque.
Mi si è avvicinato e con la più tenera delle sue vocine mi ha detto:
“Mamma…coccole?” Stavo già per prenderlo in braccio quando ha aggiunto, serissimo: “però senza cellulare”

Mi si è gelato il sangue. Vorrei dirvi che è magari successo una volta o due ma, succede troppo spesso che mentre con una mano gli accarezzo la testa con l’altra rispondo ai messaggi, controllo le mail, scorro le foto…

Qualcosa ha fatto ᗷOOᗰ nella mia testa. Ci penso da giorni.

Quanto è il giusto tempo da dedicare a questo incredibile e coinvolgente spazio virtuale? Ed è giusto che rubi spazio alla realtà?
O non è tutto, in fondo, così tremendamente reale?

Ieri mattina ho preso la bici e sono andata in spiaggia. Avevo bisogno di aria. Avevo bisogno di capire. Non lo facevo da non so quanto tempo.
Ci sono un sacco di cose che ho smesso di fare perché…perché faccio progetti per la casa.
E lì ho avuto la mia illuminazione.
Ciò che devo capire è se tutto questo immenso lavoro che faccio inspirata, incoraggiata, sostenuta da voi, non sia invece frutto del mio desiderio di avere sempre qualcosa di nuovo da condividere con voi.
È pura passione la mia o
ho sviluppato una dipendenza per le attenzioni, i cuoricini e i dolci messaggi che mi arrivano?
Questa continua ricerca del miglioramento è insita nella mia natura o è il frutto di uno strisciante timore per le critiche, il commenti negativi, le bocciature?
Insomma sono dentro ad un circolo virtuoso o vizioso?

Non lo so, ho pensato che l’unico modo per capirlo è cancellare #Instagram dal mio telefono.

Non per sempre, solo per un po’ e vedere come va.

Una mia amica, probabilmente anche lei molto assorbita da questa piattaforma mi ha chiesto: ma non hai paura di perdere i followers?

No, io di followers non ne ho, ho degli amici e se tra di loro c’è qualcuno che non mi vuole bene abbastanza, meglio dirsi addio.

A tutti voi che siete arrivati fino qui, un immenso, sentito, affettuoso: grazie.

Torno. Anche solo per dirvi che non torno.