JACK O’LANTERN: LA ZUCCA DI HALLOWEEN

Ottobre è un mese molto intenso per gli Americani. Con il cambio di stagione, si dà definitivamente addio all’estate appena trascorsa, l’attenzione si concentra sul raccolto, nella prima parte del mese, mentre nella seconda sulla festa più macabra dell’anno, Halloween.

I colori delle decorazioni  si basano su quelli intensi delle foglie autunnali, gialle, rosse, arancio e dalla seconda parte del mese cominciano a prendere le sfumature più tetre del nero, del viola, del grigio. Regina indiscussa dell’intero mese è senza dubbio la zucca. Anche la zucca subisce una trasformazione: da ingrediente di cibi prelibati e decorazioni eleganti e stagionali a ornamenti raccapriccianti e fantasiosi. La più famosa è senz’altro la Jack O’Lantern, la zucca intagliata, che rappresenta di solito un volto spaventoso.
Diciamoci la verità, non sei un vero americano se non hai almeno una Jack O’Lantern davanti alla tua casa.

Picture (50)

Da dove nasce questa tradizione? È un’usanza tramandata e impiantata negli Stati Uniti dagli irlandesi.
Si racconta che Jack l’avaro invitò il Diavolo a bere, ma quando fu il momento di pagare il conto Jack non volle tirare fuori il portafogli e così convinse il Diavolo a trasformarsi in una moneta, che però non usò e mise in tasca accanto a una croce d’argento. Questa tecnica impedì al Diavolo di ritornare nelle sue sembianze, almeno prima di promettere a Jack di non dargli fastidio e, in caso di morte, di non prendere la sua anima.
Un altro anno passò, ma Jack riuscì a raggirare il Diavolo ancora una volta facendolo salire sopra a un albero con la scusa di prendere un frutto, e intagliando croci sul tronco per non farlo scendere finché non avesse promesso a Jack di non disturbarlo per altri dieci anni e di non impossessarsi della sua anima dopo la morte.
Quando Jack morì, dunque, il Signore di certo non lo volle,e neppure il Diavolo gli aprì le porte dell’Inferno, condannandolo così a vagare in eterno.  Gli offrì comunque, per illuminare il suo cammino, un pezzo di carbone infuocato, che egli mise in una rapa. Da qui il nome “Jack of the Lantern” divenuto nel tempo “Jack o’Lantern”.
Da allora si dice che gli irlandesi avessero l’usanza di mettere una candela in rape o patate intagliate. Soltanto quando gli irlandesi emigrarono in America sostituirono i tuberi con la zucca, che si adeguava perfettamente all’intento.
Ora ci sono davvero tanti modi per decorare le zucche, ma certo la Jack o’Lantern resta la più tradizionale.

Picture (45)
Per prima cosa dovete procurarvi la vostra zucca, meglio grande se volete inciderla. Sarà più semplice. Qui in America vendono il kit per scolpire, ma se siete esperti e il disegno è piuttosto semplice e non richiede dettagli troppo minuziosi, potete servirvi anche di un semplice coltello.

IMG_2890
Dovete poi scegliere il vostro modello. Potete prendere uno dei libri specifici per questo oppure cercare su Internet: Pinterest vi fornirà senz’altro molte idee interessanti.
Con una matita o una penna, potrete disegnare il volto a mano libera se vi sentite sicuri o ricalcare il cartamodello direttamente sulla zucca.

Picture (47)
Una volta pronto potrete passare all’intaglio. Quando avrete terminato questo passaggio, dovrete incidere la parte del picciolo, che però andrà di nuovo inserita una volta che avrete svuotato la zucca. Consiglio: non buttate i semi ma arrostiteli in forno (prima di infilarli in forno, dopo averli sciacquati e messi nel passino, metteteli a bollire in acqua salata, passateli di nuovo per togliere ogni residuo di zucca, conditeli con olio EVO, sale e pepe e infornateli per circa 15 minuti. Quando cambiano colore sono pronti. Lasciateli raffreddare per bene prima di gustarli) sono ricchi di sostanze nutrienti, come magnesio, zinco e Omega-3.
Inserite la vostra candela e riponete il picciolo con la parte superiore.
La vostra Jack O’Lantern è pronta.
Happy Halloween!

Picture (48)
Ps. Consiglio: non acquistate la vostra zucca troppo presto o non arriverà integra, in tutto il suo splendore, alla notte delle streghe.

unaromanainamerica

In USA per amore, nel mio blog racconto di me e della “mia America” (e di tanto altro ancora), mentre qui per TheWOMOMS parlo degli americani, delle loro tradizioni e abitudini. Amo l’autunno, Instagram e mio figlio Roman (non necessariamente in quest’ordine). Sogno Parigi, che come dice qualcuno che mi conosce bene, è la città che mi assomiglia di più. Magari un giorno scoprirò se è vero. Blog personale: www.unaromanainamerica.com

5 pensieri riguardo “JACK O’LANTERN: LA ZUCCA DI HALLOWEEN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *